Ucciso per poche monete

25 agosto 2012
Anzio – Stava forzando dei distributori all’interno dell’ospedale di Anzio quando ha fatto scattare il sistema d’allarme e l’intervento dei vigilanti. Ha tentato la fuga, correndo via ma un vigilante l’ha inseguito. Durante la rincorsa è stato esploso un colpo che ha raggiunto il ladro. E’ morto così il 48enne. Fatale per lui la pallottola che l’ha colpito al torace. Sulla vicenda indaga la polizia.
Il vigilante è stato interrogato dalle forze dell’ordine e avrebbe parlato di un colpo partito accidentalmente. Secondo una prima ricostruzione, l’allarme scattato in un padiglione del plesso ospedaliero, avrebbe determinato l’immediato intervento del personale di vigilanza che ha sorpreso un 48 enne italiano intento a forzare alcuni distributori automatici di bevande.
Il vigilante intervenuto ha esploso un colpo d’arma da fuoco che ha colpito il ladro, deceduto poco dopo. Il personale della Polizia Scientifica della Questura di Roma sta effettuando dei rilievi sul luogo del ferimento e l’esame dell’arma in possesso del vigilante. Al termine degli accertamenti nei confronti della guardia giurata è stato disposto il provvedimento di arresto, e attualmente l’uomo si trova in Procura a Velletri per l’interrogatorio di garanzia e per attribuire le esatte responsabilità.

About Uhuru

« E’ più criminale fondare una banca che rapinarla »
This entry was posted in -Furti, La Legge and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.