Precisione nei dettagli

15 novembre 2011
Gricignano (Av) – 310mila euro. Questa il bottino della spettacolare rapina messa a segno da una nutrita banda di rapinatori ai danni dello sportello della Unicredit Bank all’interno dello stabilimento Merloni ubicato nella zona industriale di Aversa Nord, sui territori di Teverola e Carinaro. A mettere in scena questo colpo cospicuo almeno quattro rapinatori con il volto coperto e armati di pistole e fucili. Un colpo pianificato, quasi certamente, grazie ad una soffiata che ha consentito di portarlo a segno senza particolari difficoltà, proprio quando la filiale dell’istituto di credito aveva le casse piene. Poco prima, infatti, un furgone portavalori aveva depositato presso lo sportello della nota fabbrica di elettrodomestici marchigiana la somma che, presumibilmente, doveva servire per pagare gli emolumenti ai lavoratori addetti all’impianto di produzione di frigoriferi e cucine. I quattro hanno fatto irruzione nello stabilimento forzando l’ingresso con un furgone Fiat Doblò, poi abbandonato sul posto e risultato rubato. Si sono portati presso lo sportello bancario e hanno costretto gli addetti a consegnare il danaro. Sono, poi, fuggiti, scavalcando la recinzione posteriore raggiungendo due auto (forse con a bordo i conducenti), con le quali hanno abbandonato il luogo, facendo perdere le proprie tracce.

About Uhuru

« E’ più criminale fondare una banca che rapinarla »
This entry was posted in -Rapine and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.