Alvin Karpis

Alvin Karpis

Alvin Karpis

Alvin Francis “Creepy Karpis” Karpowicz (Montreal, 10 agosto 1907 – Spagna, 1979) è stato un criminale statunitense, autore di numerosi furti,rapine ed omicidi, anche l’attentato fallito al presidente Hoover, 31º presidente degli Stati Uniti entrato in carica nel 1929. Famoso per la sua alleanza con Arthur Barker negli anni trenta, Alvin Karpowicz (suo vero nome), fu l’ultimo fra i Nemici Pubblici ad essere catturato, da parte del presidente J. Edgar Hoover. Fu rinchiuso ad Alcatraz, per più di 25 anni, il periodo più lungo scontato da un prigioniero dell’omonimo penitenziario.
I primi anni
Karpis nacque da genitori immigranti lituani, a Montreal, Québec, Canada e fu cresciuto a Topeka, Kansas. Cominciò l’attività da criminale a soli 10 anni; nel 1924, infatti, fu condannato a 10 anni al Riformatorio Industriale Statale di Hutchinson (Kansas), per un furto con tentato scasso. Riuscì a scappare e visse con i genitori per un breve periodo a Chicago, Illinois. Dopo essersi trasferito a Kansas City, Missouri, fu accusato di furto di una macchina e di nuovo mandato al Riformatorio. Trasferitosi al Penitenziario di Lansing, Missouri, conobbe Fred Barker, un detenuto famoso per l’omicido di un poliziotto durante un furto di macchina. Barker era uno dei noti membri chiamati “Bloody Barkers” (“Maledetti Barkers”), come i giornali del tempo li descrivevano. La famiglia di Barker comprendeva i fratelli Herman, Lloyd, Arthur o “Doc” e Fred, i figli di Ma Barker. Una famiglia di criminali, costituita per lo più da ragazzi, che derubavano banche e uccidevano senza pietà. “Doc”, il leader, fu condannato nel 1920 dopo avere assassinato una guardia notturna. Herman, dopo un ennesimo furto, si suicidò nel 1927 dopo essere stato gravemente ferito a seguito di una sparatoria con la polizia. Lloyd fu condannato a 25 anni nel 1922 per furto in posta. Ma faceva l’aiutante dei figli. Nella sua vita Ma non fu mai ricercata perché non commise mai alcun crimine. Ciononostante, tormentò i governatori responsabili dell’imprigionamento dei figli al punto che riuscì ad ottenere la liberazione di Fred, nel 1931, e di “Doc”, nello stesso anno. Alvin fu rilasciato anch’egli nel 1931, unendosi presto con “Doc” Barker a Tulsa, Oklahoma, formando così la banda Karpis-Barker.

Wanted

L’alleanza con i Barker
La banda di Karpis-Barker divenne una delle bande criminali più pericolose degli anni trenta. Non esitarono ad uccidere chiunque incontrassero sulla loro strada, anche gente innocente. Derubarono un gran numero di banche e consegne postali, dirottarono un aereo e presto si rivolsero al campo lucroso per rapinare anche quello. Nel 1933, rapirono William Hamm, un ricco fabbricante di birra del Minnesota, riscattandolo a $ 100.000,00. Subito dopo rapirono, sempre nel Minnesota, il banchiere Edward Bremer Jr, il cui riscatto fu di $ 200.000,00. Presto la banda cominciò ad ampliarsi, includendo approssimativamente altri 25 membri. Ma Barker divenne il capo della banda dominando con il pugno di ferro. Presto però i rapimenti condussero allo scioglimento della banda. L’ultima persona rapita, cioè Edward Bremer Jr, era un amico del presidente Franklin D. Roosevelt. L’F.B.I. aveva organizzato delle squadre specializzate, chiamate “le squadre volatrici”, che si specializzarono nel cacciare i nemici pubblici. L’anno 1934 fu caratterizzato da uccisioni da parte di queste squadre, che portarono alla morte diversi criminali come: John Dillinger, Bonnie e Clyde, Charles Floyd (soprannominato “Il Bel Ragazzo”) e George Nelson (“soprannominato “Faccia da Bambino”). Con le morti di questi criminali, l’F.B.I. avanzò sopprimendo pian piano anche la banda Karpis-Barker, uccidendo, per errore, uno dei loro membri, George Ziegler (soprannominato “Il Fucile”). Ziegler fu una delle menti della banda, responsabile proprio dei rapimenti. L’8 gennaio 1935 fu catturato “Doc”, dall’agente Melvin Purvis; “Doc” fu mandato ad Alcatraz, ma a seguito di una sua tentata fuga, fu colpito da uno sparo ed ucciso dalle guardie, nel 1939. Una settimana più tardi furono localizzati e catturati Ma e Fred Barker a Lake Weir, Florida. Il 16 gennaio, Ma e Fred furono uccisi dopo una sparatoria, durata circa 4 ore, in carcere. Karpis ed un paio di altri furono localizzati ad Atlantic City, New Jersey. Riuscirono a scappare, grazie ad un’amica di Karpis, Dolores Delaney, che fu accidentalmente ferita con un colpo di pistola alla coscia dalla polizia. Karpis continuò i suoi crimini con gli altri sopravvissuti, diventando un Nemico Pubblico Numero 1. Riuscì a dirottare un treno, a Garrettsville Ohio, tenendo in ostaggio tutti passeggeri finché non gli venne consegnata la somma complessiva di $ 27.000,00. Dopo la morte di Ma e Fred Barker, Karpis rivolse una parola al presidente J. Edgar Hoover, minacciandolo di ucciderlo perché riteneva essere lui responsabile dell’omicidio della donna e di Fred.
Ricerca e cattura dell’Fbi
L’F.B.I. presto localizzò nuovamente Karpis, il 1º maggio 1936, a New Orleans, Louisiana, e Hoover si recò sul posto per assistere all’arresto. Secondo una versione di un ufficiale dell’F.B.I., Karpis afferrò, invano, un fucile, prima di salire in macchina, al fine di sparare al presidente. La cattura di Karpis comportò la fine dell’orrenda criminalità della banda Karpis-Barker e Karpis fu mandato alla prigione di Alcatraz.
Alcatraz
Condannato all’ergastolo, Karpis fu incarcerato ad Alcatraz, nell’agosto del 1936 fino all’aprile del 1962. Per sei mesi del 1958 fu trasferito al penitenziario di Leavenworth (Kansas), ma fu rimandato poi di nuovo ad Alcatraz. Il suo lavoro principale ad Alcatraz fu quello del fornaio, dove produceva pane per i detenuti. A seguito della chiusura di Alcatraz, fu trasferito al penitenziario dell’Isola di McNeil, nel Washington, nell’aprile 1962. Qui Karpis incontrò un giovane detenuto chiamato Charles Manson, sul quale Karpis scrisse delle sue monografie come: “On the Rock: Twenty-five Years at Alcatraz” (“Sulla Rocca: Venticinque anni ad Alcatraz”) (scritto con Robert Livesey, e pubblicato nel 1980):
Dopo che Manson fu divenuto piuttosto abile con la chitarra, chiese aiuto a Karpis per trovare un lavoro a Las Vegas, dato che Karpis stesso aveva avuto contatti con una discoteca e dei proprietari di un casinò. Manson si dichiarò di essere più grande dei Beatles, ma presto fu spostato a Los Angeles, nel 1967, che sembrò essere una delle prigioni più dure.
Gli ultimi anni
Karpis fu liberato nel 1969 e fu deportato in Canada. Qui scrisse e pubblicò diverse monografie, a partire dal 1971. Infine Karpis si trasferì in Spagna, nel 1973. Il 26 agosto 1979 fu trovato morto, a seguito di un suo probabile suicidio, secondo le autorità, usando dei sonniferi in pillole; più tardi fu affermato che la morte fu dovuta a cause naturali. Non fu fatta nessuna autopsia e Karpis fu seppellito il giorno successivo in Spagna.

Al mito di Alvin Karpis e della banda Karpis-Barker si sono inspirati alcuni personaggi romanzeschi come Ma Beagle ed i Beagle Boys (I Ragazzi Beagle) pubblicati nello Scrooge McDuck universe.

About Uhuru

« E’ più criminale fondare una banca che rapinarla »
This entry was posted in Ladri e Rapinatori famosi and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.