Clonato bancomat del procuratore Lepore

20 aprile 2011
Napoli – Il procuratore di Napoli Giovan Domenico Lepore: “Clonata anche la mia card”.
Una banda che clona i bancomat sta facendo terra bruciata a Napoli, e venerdì scorso è tornata in azione al Vomero. Incuranti dei sistemi di videosorveglianza, hanno installato almeno una decina di skimmer e in poco più di un’ora, sono state centinaia le carte bancomat e le carte di credito clonate.
Polizia postale, carabinieri e Guardia di finanza seguono la pista di un’organizzazione di cittadini slavi che, con uno strumento che decritta gli algoritmi, riescono a leggere le ultime operazioni fatte ad uno sportello Atm (bancomat), e tra queste anche il saldo.
Il tutto, inserendo la banda magnetica su cui è stata trascritta la memoria di quella copiata in un qualunque telefono, anche pubblico, dotato di display. Con questo sistema i delinquenti individuano i conti più sostanziosi. I dati sono poi inviati in Usa dove c’è la centrale.

About Uhuru

« E’ più criminale fondare una banca che rapinarla »
This entry was posted in Anche i ricchi piangono and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.