Sbirro deruba ex porno star Maurizia Paradiso

06 Giugno 2012
Milano – Avrebbe derubato Maurizia Paradiso, la nota e milanesissima ex attrice porno e ora conduttrice Tv, dopo essere riuscito a catturare la sua attenzione e la sua fiducia. Per questo, ieri, con l’accusa di furto pluriaggravato, per direttissima è stato processato un agente scelto della Polizia di Stato in servizio presso il posto di polizia dell’ospedale Niguarda dove la Paradiso era finita per una visita. La 57enne è stata derubata di quasi 4.500 euro, tra contanti e assegni. A bloccare l’agente, R.P., 32 anni, in servizio al Commissariato Greco Turro, sono stati i colleghi delle volanti, fatti intervenire dalla stessa Paradiso una volta resasi conto del furto subìto. Secondo la ricostruzione della Questura, Maurizia Paradiso, nel primo pomeriggio di lunedì si è presentata al pronto soccorso per sottoporsi ad alcune analisi e, nell’attesa, si è fermata a parlare con il poliziotto in servizio, che l’ha invitata a sedersi proprio nel posto di polizia. Tra una battuta e l’altra, il 32enne deve aver notato che la borsa dell’ex attrice porno era piena di denaro e così ne ha approffitato: si è impossessato dell’agenda dove erano infilati 2.980 euro in contanti e quattro assegni per 1.500 euro. Stando anche al racconto di alcuni testimoni, il poliziotto e l’attrice si sarebbero presi in simpatia e proprio mentre la 57enne si accomodava nel posto di polizia a chiaccherare l’agente sarebbe riuscito a sfilare l’agenda dalla borsa.
La Paradiso si è accorta di essere stata derubata dopo che il personale medico l’ha chiamata per sottoporsi alle analisi. L’agente, traditore in tutti i sensi, è stato arrestato in flagranza.
Una parte della refurtiva è stata ritrovata nascosta nel bagno vicino al posto di polizia.
Fondamentale per incastrarlo anche la testimonianza di un infermiere che ha raccontato di aver visto il poliziotto dirigersi verso un altro padiglione, dove in effetti è stata trovata nascosta la seconda parte dei soldi. L’agenda era in un cestino.

About Uhuru

« E’ più criminale fondare una banca che rapinarla »
This entry was posted in Anche i ricchi piangono and tagged , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.